Seguici su:

La raccolta dell’Umido

Di che materiale parliamo?
Gli avanzi di cibo, gli alimenti andati a male, le bucce della frutta, i sacchetti del tè e i fondi del caffè, i fiori secchi in modeste quantità e i tovaglioli di carta vanno conferiti invece nel contenitore dell’umido di colore marrone. Il RIFIUTO ORGANICO non è più solo un materiale di scarto, ma diventa la materia prima che dà vita a nuovi cicli produttivi, come la produzione di compost. Attraverso il processo compostaggio, che in Italia avviene tradizionalmente in impianti dedicati, gli scarti umidi del cibo delle nostre cucine vengono avviati a recupero e trasformati in fertilizzante organico impiegabile in agricoltura, divenendo così una risorsa fondamentale per ritornare attraverso il prodotto coltivato nelle nostre tavole.

Come fare la raccolta differenziata:

COSA GETTARECOSA NON GETTARE
Frutta e verdura, comprese le parti legnose e la frutta secca, frutta secca e noccioliLiquidi (ad esempio olio vegetale)
Bastoncini in legno del gelatoLegno trattato con sostanze chimiche
Tovaglioli o fazzoletti in carta non utilizzati purché privi di stampe Metalli, stoffe e materiali sintetici
Tappi di sugheroCialde caffè in plastica /alluminio
Terriccio, fiori secchi e piccoli residui botaniciFazzoletti e tovaglioli usati
Cenere caminoAssorbenti/pannolini
Lettiere naturali e compostabili per animali domestici
Contenitori e imballaggi
Alimenti scaduti o avariatiGusci dei frutti di mare (ad esempio cozze e vongole)
Pasta, riso, formaggi e simili Filtri dell’aspirapolvere
Cibi cottiPiante malate
Fondi di caffè, the, infusi, cialde di caffè compostabiliMozziconi di sigarette
Pesce, carne, uova
comprese lische, gusci d’uovo e ossa
Carta oleata, plastificata o in alluminio

Non dimenticare di:
• Ridurre il volume il più possibile
Utilizzare solo sacchetti biodegradabili e compostabili
• Conferire sfalci potature ramaglie foglie negli appositi cassonetti sfalci o nei centri di raccolta
• Riempire il più possibile il sacchetto dell’organico e chiuderlo con cura, per evitare che i cassonetti si sporchino e si generino cattivi odori.

Lo sai che…?


torna all'inizio del contenuto
CHIUDI
CHIUDI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi