Seguici su:

La raccolta della Plastica

Di che materiale parliamo?
Le materie plastiche sono materiali artificiali con una struttura macromolecolare che, in determinate condizioni di temperatura e pressione, subiscono variazioni permanenti di forma. In base alle loro reazioni al riscaldamento, possono essere suddivise in materie termoplastiche e termoindurenti e ad ogni materia plastica è associata una sigla, che la identifica univocamente. Trova applicazione e impiego in tutti i settori industriale come imballaggi, edilizia, apparecchiature elettriche ed elettroniche, mezzi di trasporto.
La storia della plastica comincia nell’XIX secolo con lo sviluppo di un primo tipo di celluloide, utilizzato per la produzione di manici e scatole, ma anche di manufatti flessibili come i polsini e i colletti delle camicie.
Nei primi anni del ‘900 vengono poi scoperti PVC, Cellophane e viene introdotto il petrolio che diviene la “materia prima” da cui partire per la produzione. Con la crescita tecnologica, le applicazioni della plastica diventano sempre più sofisticate ed impensabili, grazie allo sviluppo dei cosiddetti “tecnopolimeri”.
Nella raccolta della plastica devono essere conferiti solo gli IMBALLAGGI, gli involucri che contengono il prodotto acquistato. Alcuni esempi di imballaggio sono la confezione del sapone o le bottiglie di acqua, mentre la bacinella per il bucato non lo è perché non è il contenitore utilizzato per confezionare e trasportare un prodotto. Fanno eccezione a questa regola piatti e bicchieri, perché pur non essendo imballaggi vengono comunque conferiti nella raccolta della plastica.

Come fare la raccolta differenziata:

COSA GETTARECOSA NON GETTARE
Tutti gli imballaggi in plastica, in cui sono contenuti prodotti solidi o liquidi all’atto dell’acquistoTutti gli imballaggi che presentano rifiuti organici (ad esempio il cibo)
Attaccapanni in plasticaTutti gli imballaggi che presentano sostanze pericolose (ad esempio vernici o colle)
Bottiglie in plastica, contenitori e flaconi
contenitori per dolciumi e alimenti, come affettati, formaggi, pasta fresca
Giocattoli, secchielli, ciabatte, canotti, palloni, occhiali, biro, pennarelli, borracce, attrezzi vari, quando sono rotti o non servono più, non vanno mai abbandonati dove capita, ma messi nel rifiuto indifferenziato
Buste e sacchetti per alimenti, come pasta, patatine, caramelle, surgelati Tutti gli apparecchi che funzionano a energia elettrica o a pile, compresi i piccoli elettrodomestici
Carta stagnolacd, dvd, videocassette e custodie
Imballaggi e scatole in polistirolo o pluriballTeli usati in orticoltura

Incarti di brioche e caramelle
Posate usa e getta
Piatti e bicchieri di plastica usa e getta PULITI Guanti monouso e guanti da cucina
Piccoli oggetti in acciaio e materiale ferroso
Vasi da fiore e fioriere
Scatole e lattine metalliche con il simbolo AC, FE, AL
Scatolette metalliche per la conservazione di cibo per animali e alimenti, come pelati, piselli, tonno
Vaschette per uova, carne, pesce, gelati
Vasi da semina (acquistati insieme alla pianta da ripiantare)

Non dimenticare di:
• Separare correttamente le confezioni in base al materiale
• Ridurre il volume il più possibile, schiacciando le bottiglie di plastica in orizzontale
• Riporre nelle campane stradali blu solo contenitori/imballaggi puliti e svuotati

Lo sai che…?

torna all'inizio del contenuto
CHIUDI
CHIUDI

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi